Jun 19, 2019 Last Updated 1:59 PM, Jun 13, 2019

“Ecco la serva del Signore; avvenga per me secondo la tua parola” (Lc 1,38)

Categoria: 2019
Visite: 237 times

34° Giornata Mondiale della Gioventù, 2019 (Panama)

Sono passati ormai alcuni mesi dalla GMG di Panama 2019 (22 -27 gennaio 2019) e spesso ritornano alla mente bei ricordi e belle parole dette e ascoltate, grazie anche ai gruppi whatsapp che continuano a mandare messaggi agli amici e alle famiglie che abbiamo incontrato a Panama.
È la prima GMG vissuta con un gruppo particolare e bello di questa missione in cui sto vivendo. 
Dalla Turchia verso la GMG a Panama siamo partite in 18 persone: 
15 giovani, 1 sacerdote salesiano, Don Jacky Doyen, 1 diacono diocesano, Don Nikola Dinc (della diocesi di Smirne) e io, sr Miriam Oyarzo, fmsc… eravamo un piccolo gruppo che ha rappresentato le nostre 3 diocesi di Turchia: Istanbul, Smirne e Iskenderun.
La nostra GMG è iniziata la sera prima della partenza del 22 gennaio 2019, quando don Jacky ha celebrato la S. Messa d’invio per preparare i nostri cuori e le nostre menti a questo meraviglioso incontro con il Signore, con il Papa e con tanti giovani del mondo. 
L’animo dei ragazzi era alle stelle, l’entusiasmo ci invadeva e la voglia di vivere questo momento era unico… un viaggio così lungo per vivere un evento universale… ne è valsa la pena!
La nostra esperienza come gruppo “Turchia” è stata unica e indimenticabile, perché? 
Perché solo il fatto di dire che venivamo da un Paese musulmano, che eravamo giovani cristiani di diversi riti e chiese era una cosa che colpiva tutti e lasciava senza parole… una vera testimonianza di ecumenismo. Alcuni dei nostri ragazzi erano della chiesa Armena cattolica, altri Caldei, altri Siriani e gli altri latini quindi, questo gruppo così ecumenico ha lasciato un segno in questa GMG: i giovani insieme possono veramente fare cose insieme… nonostante la diversità e nonostante le diverse tradizioni religiose che lì durante la GMG si sono sentite come vera ricchezza. 
L’impatto mediatico di cui gode la Turchia ha fatto sì che tante persone si sono avvicinate a noi, per domandare: Siete cristiani? O musulmani? Come si vive il cristianesimo in Turchia? E mille altre domande. La testimonianza dei ragazzi della gioia e della simpatia che caratterizza il popolo turco ha colpito tutti, ma soprattutto le famiglie che ci hanno accolto. Perché la GMG non è solo incontrare altri giovani, ma fare esperienza di Chiesa, e per noi come gruppo questo è stato il vero tesoro di Panama.
Siamo stati accolti dalla parrocchia di Panama “St Mary” e lì ci ha accolto la signora Debora Costarangos, il nostro angelo custode a Panama. La signora Debora ci ha sistemati nelle diverse famiglie della parrocchia, le quali hanno aperto non solo le porte delle loro case ma soprattutto i loro cuori. 
Sono state queste sei famiglie che hanno fatto della GMG un evento unico, hanno fatto esperimentare ai giovani turchi il calore della chiesa domestica, l’amore al fratello forestiero, l’accoglienza della Chiesa… tutti noi siamo rimasti meravigliati di questa accoglienza e semplicità del popolo di Panama. Queste famiglie ci hanno adottato come veri figli, ci accompagnavano ad ogni evento, organizzandosi con le macchine, con il cibo, con l’orario per non lasciarsi soli nemmeno un secondo… hanno testimoniato il moto della GMG: “Ecco la serva del Signore; avvenga per me secondo la tua parola”.
Il momento più atteso da noi tutti è stata la veglia di preghiera seguita dalla S. Messa conclusiva della GMG; i giovani tutti erano ansiosi di sentire il messaggio di Papa Francesco.
La veglia è stata vissuta in un clima di preghiera; il silenzio regnava in ogni angolo e i giovani seguivano tutto... i canti, i momenti di riflessione e il tempo tutto particolare in cui abbiamo adorato il Santissimo in assoluto silenzio... e alla fine il santo rosario, in diverse lingue.
Papa Francesco ci ha invitato a “far parte di una storia di amore (la Salvezza di Dio) che si intreccia con le nostre storie” per poter dare frutti lì dove siamo, come siamo e con chi siamo. Quel ‘sì’ che per primo ha detto Lui e poi noi, quel ‘sì’ che ha detto Maria e che ha salvato il mondo... Maria la “influencer” di Dio... A noi giovani Papa Francesco ha rivolto l’invito: “voi giovani volete essere “influencer” nello stile di Maria?” E tutti in coro clamoroso hanno risposto: ‘Sì!’.
Al mattino presto la gioia della attesa per la Santa Messa ha fatto mobilitare tutto il campo; i giovani si sono preparati per l’incontro con Gesù e per sentire le parole di Papa Francesco e attendere l’annuncio di dove sarà la prossima GMG.
Il Vangelo di Lc 4, 20-21, che narra come Gesù entrato nella Sinagoga, legge il rotolo della Scrittura e annuncia che “oggi” si è compiuta questa Scrittura, ci ha toccato nel fondo dei nostri cuori. Così hanno colpito tutti profondamente le parole di Papa Francesco quando ha detto: “Voi non siete il futuro di Dio: voi giovani siete l’adesso di Dio! Lui vi convoca, vi chiama nelle vostre comunità, vi chiama nelle vostre città ad andare in cerca di tutti... ad alzarvi in piedi e insieme a prendere la parola e realizzare il sogno con cui il Signore vi ha sognato!”
Nei giorni successivi, quando abbiamo fatto insieme la verifica, tutti i giovani del gruppo hanno condiviso la difficoltà e la preoccupazione che sentono per il futuro, hanno ricordato quanto il Papa in questa GMG ha detto loro: “Voi siete ‘l’oggi’ di Dio”. Hanno richiamato le parole del Papa che ci ha invitato a guardarci ora, e a non stressarci per il futuro, ma fare oggi qualcosa nella nostra Turchia, nelle nostre chiese e diocesi... a essere e costruire un mondo migliore.
Siamo grati al Signore di questa esperienza, di tutto quanto abbiamo vissuto, delle nuove amicizie, dei luoghi conosciuti, della preghiera e del messaggio che Papa Francesco ha dato ai giovani: “Voi non siete il futuro… siete il presente”. Da queste parole dette dal Santo Padre è nato il desiderio da parte dei giovani di continuare a vivere delle esperienze e di condividerle “insieme”.
Questo è l’augurio e frutto di questa GMG… camminare insieme come giovane chiesa Turca.

Preghiamo il Signore affinché questo desiderio possa avverarsi e insieme possiamo essere il presente di Dio in questa terra.

Sr Miriam Oyarzo, fmsc





 


Archivio NEWS

Articoli più letti

Pace e Bene - Anno 2018/2

05 Feb 2019 Pace e Bene

Pace e Bene - Anno 2018

04 Set 2018 Pace e Bene

Pace e Bene - Anno 2017/2

20 Feb 2018 Pace e Bene

Pace e Bene - Anno 2017

04 Lug 2017 Pace e Bene

Pace e Bene - Anno 2016/2

06 Feb 2017 Pace e Bene