May 20, 2022 Last Updated 8:52 PM, Apr 1, 2019

Mese missionario: rinnoviamo l'entusiasmo evangelico

Published in 2016
Read 45 times
Rate this item
(0 votes)

Celebriamo nel mese di ottobre la 90° Giornata Missionaria Mondiale che ha come slogan “Nel nome della misericordia”.
Viviamo un mese missionario dagli orizzonti grandi quanto è grande il mondo, considerando l’impegno missionario come connaturale alla nostra consacrazione e vivendo la propria vocazione come servizio universale alla Chiesa e al mondo.
Siamo chiamate ad aprire sempre più il cuore allo spirito missionario e a impegnarci con la preghiera e con gesti concreti di solidarietà nell’aiuto alle chiese più povere.


Come suore francescane sorte per le “missioni apostoliche”, ovunque nel mondo portiamo il messaggio evangelico attraverso l’educazione di bambini e giovani senza alcuna distinzione di lingua, etnia o religione.
La testimonianza riportata nell’articolo seguente conferma con quale spirito missionario e apertura culturale le nostre prime sorelle operavano in Medio Oriente già nel secolo XIX.

Da Gemona a Istanbul la scuola senza pregiudizi che piaceva al sultano
Le suore presenti dal 1872 ne fecero il centro dell'attività educatrice in Oriente. Furono cosí gradite da aprire anche a Rodi dove s'imparava l'italiano e il greco.

Quando si parla di tutela delle culture, di società multirazziale da valorizzare e affermare, della trasversalità degli insegnamenti e del villaggio globale dei saperi, un pensiero, qui, nella nostra regione, va inevitabilmente alle suore francescane del Convento di Santa Maria degli Angeli a Gemona che addirittura dal 1865 aprirono le prime scuole negli Stati Uniti (con un rapido sviluppo) e nel 1872 nella stessa Istanbul che divenne il centro dell'attività educatrice in Oriente.
Non erano forse esercitate alle valanghe di dibattiti e ai sofismi intellettuali che ogni giorno imperano nei "salotti della comunicazione", ma svolsero con impegno il loro ruolo, insegnando anche le lingue a fanciulle non solo cattoliche, ma greco-ortodosse e turche (quindi musulmane), dando così avvio a quella che diventerà la Provincia orientale dell'Ordine.
L'attività scolastica continuava a Gemona e continua tuttora con le scuole elementari e medie.
La didattica non veniva ovviamente tralasciata sin dalla fine del diciannovesimo secolo quando proprio nella nostra regione si aprivano i dibattiti più vivaci e interessanti sulla formazione dei bambini e degli adolescenti.
Basti pensare ad Aristide Gabelli (1830-1891), questo maestro della pedagogia positivista che evincerà con chiarezza i problemi di ordine pratico-politico che avrebbero dovuto riformare i metodi educativi perché la scuola rispondesse ai nuovi bisogni degli Italiani.

Per questo c'era bisogno di una "scuola positiva" dando origine al suo antiformalismo pedagogico avverso all'astrattismo ed alla trita retorica.
I suoi testi sono ancora presenti nella Biblioteca storica delle Suore di Gemona a prova di una attenzione verso i nuovi processi di formazione e di apprendimento.
Non va dimenticato che proprio in Friuli si sperimenteranno anche i metodi del famoso Friedrich Fröbel (1782-1852), infatti nell'anno 1874 veniva pubblicata a Udine l'opera "Sui giardini froebeliani" e furono aperti due giardini d'infanzia con quel metodo (di questo si sta da tempo occupando la studiosa Maria Sello sondando realtà didattiche e formative inaspettate).
Nel dopoguerra peraltro su sollecitazione della Duchessa Elena d'Aosta veniva fondato l'O.N.A.I.R. (Opera Nazionale di Assistenza all'Italia Redenta, 1919) con la capillare diffusione dei giardini d'infanzia in tutti i paesi del Friuli, affidandone molti alle suore formatesi proprio a Gemona, che nel 1952 apriranno altresì i corsi per la scuole superiori (le Magistrali) e un liceo linguistico contando anche sulla presenza di religiose provenienti da missioni e spesso di madrelingua delle nazioni di provenienza.
L'attività dell'educandato di Costantinopoli, come detto con presenze di diverse religioni fra le allieve, procedeva così speditamente e con buona fama che ben presto si poté aprire quello di Rodi dove le religiose avevano inserito corsi per l'insegnamento dell'italiano, del greco, del francese e del tedesco.
Un patrimonio di esperienze e di saperi che si divulgherà in buona parte del Medio Oriente, da Rodi, a Cipro, Cefalonia e Zante, ad Ankara, a Larnaca, a Nicosia e al Libano. Una serie di interrelazioni culturali e sociali che coinvolgono anche le scuole di Gemona che possono profittare di una multiculturalità non solo di facciata, ma di forte valenza informativa e formativa e questo si traduce nei molti interventi che si sono concretati a livello didattico e propositivo con un impegno che da sempre distingue la scuola.
Il sogno della fondatrice, la Duchessa Laura Leroux de Bauffremont, sostenuta dalla guida di Padre Gregorio Fioravanti, prende dunque forma dalla perseveranza delle prime sorelle nonostante le molte difficoltà incontrate nel mondo, comprese le due disastrose guerre mondiali con i rispettivi tragici cambi di regimi nell'Est e nell'Oriente, o nella stessa Gemona con il drammatico terremoto del 1976, che coinvolse l'Ordine in una vera e propria rifondazione.
Il convento era nato negli antichi locali che dal 1277 al 1810 erano stati sede del Monastero delle Clarisse, ricostruendolo, grazie alla Duchessa di Bauffremont e dedicandoli a Santa Maria degli Angeli; quasi un proseguo di una vocazione familiare che si era già espressa con la madre della Nobildonna nel costruire a Gerusalemme un importante realtà religiosa.
La madre della fondatrice era una Bossi de La Tour d'Auvergne che senz'altro ispirò in queste sue scelte Laura de Bauffremont.
La scuola di Gemona che attualmente segue l'istruzione dalle elementari alle medie offre quell'ampio respiro che trae origine da una vocazione di confronti e relazioni nel mondo e riportando nell'antica struttura madre quei saperi e quelle imperdibili esperienze che filtrano nell'odierno assetto didattico-educativo della scuola.

Fonte:Messaggero Veneto
http://messaggeroveneto.gelocal.it/tempo-libero/2016/09/28/news/da-gemona-a-istanbul-la-scuola-senza-pregiudizi-che-piaceva-al-sultano-1.14172117?ref=search


 

Last modified on Monday, 19 July 2021 17:36

Leave a comment

Assicurati di compilare tutti i campi obbligatori (*).