Sep 20, 2021 Last Updated 8:52 PM, Apr 1, 2019

IL SIGNORE È IL MODELLO DA SEGUIRE - Prima Professione

Pubblicato in 2021
Letto 58 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

"Rendete grazie al Signore perché Egli è buono, perché il suo amore fedele dura per sempre" (Sal. 118,1).


Oggi 11 agosto 2021, in cui la Famiglia Francescana celebra la festa di S. Chiara d’Assisi, la nostra famiglia Religiosa delle Suore Francescane Missionarie del Sacro Cuore, ci rallegriamo e rendiamo grazie al Signore per le nostre novizie Albina Kispotta e Punam Tirkey che vestite di bianco, con le lampade accese sono pronte per consacrarsi a Dio emettendo la prima professione religiosa nelle mani di Sr. Mini Joseph, Superiora provinciale, nella cappella del noviziato a Carmelnagar.

La solenne celebrazione eucaristica è stata presieduta da Sua Eccellenza, Mons. Joseph Raja Rao Thelagathoti, S.M.M. Vescovo della Diocesi di Vijayawada. Nella sua omelia ha spiegato che la chiamata alla vita religiosa è iniziativa di Dio e non nostra. E che il nostro fine ultimo è di essere conformi al Signore, Lui è il modello a seguire! Ha esortato dicendo: “dovete diventare come Cristo”.

Inoltre ha enfatizzato la testimonianza di vita: atteggiamento interiore è importante e non quello che si mostra agli altri, ma di essere modelli umili per i fratelli e sorelle sull’esempio di S. Francesco che è diventato un l'altro Cristo e di S. Chiara che è stata uno specchio di Francesco.

Coloro che seguono Cristo otterranno ciò che rinunciano al Signore e perdono ciò che invece conservano per se stessi.

La generosità scaturisce da un cuore abbondante. Una persona consacrata dona generosamente senza alcun "ma", tutto ciò che dà al Signore, si trasformerà nel centuplo, un giorno. Dobbiamo essere generosi e riconoscenti. Pietro ha seguito Gesù, non ha detto "ma"; ha chiesto a Gesù, “e noi che abbiamo lasciato…?”. Ha ricevuto cento volte tanto, e noi? Sentiamo di aver ricevuto il centuplo da Gesù nella nostra vita quotidiana?

Oggi la gente ci guarda come persone spirituali, pacifiche, allora, qual è il nostro ruolo? È un ruolo profetico; dobbiamo parlare di Dio, essere in connessione con Dio e condividere poi al popolo; dobbiamo essere una testimonianza leggibile per loro; nella nostra vita si deve vedere chiaramente che siamo discepoli di Gesù.

Infine le ha esortate a vivere il voto di obbedienza, ad ascoltare e discernere la volontà di Dio e ha spiegato che l’obbedienza non è solo qualcosa da chiedere permesso. L'ascolto ci dà la percezione delle cose e ne abbiamo bisogno. L'obbedienza si assume con responsabilità e si serve il Signore con tutto il cuore. Vivete solo per Dio! La semplicità di vita è povertà e non accumulare le cose. Ha sottolineato l'importanza della vita in comunità e quando il loro amore sarà purificato, potranno vivere una vita nella pace, con amore in comunità e la comunità le aiuterà, le sosterrà, le formerà, e insegnerà loro a vivere nella santità.

Le neo-professe alla fine della celebrazione hanno espresso la loro gratitudine a tutti i presenti e soprattutto al Signore che le ha chiamate e che sarà con loro tutti i giorni.

Sr. Selinamma Sebastian


Ultima modifica il Mercoledì, 01 Settembre 2021 00:26
Altro in questa categoria: "... L’AVETE FATTO A ME" »

Lascia un commento

Assicurati di compilare tutti i campi obbligatori (*).