Nov 27, 2021 Last Updated 8:52 PM, Apr 1, 2019

“L'ANIMA MIA PROCLAMA LA GRANDEZZA DEL SIGNORE” - Suor Angel Rose Espino Solas per sempre FMSC

Pubblicato in 2021
Letto 46 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il giorno 2 agosto 2021 si celebra la festa della Madonna degli Angeli della Porziuncola, “il Perdono di Assisi”.

È stata una data molto memorabile e importante nella mia vita. Ero ricolma di emozioni, di eccitazione, di ansia, di timore e gioia perché finalmente era arrivato il giorno che avevo desiderato tanto per poter dire il mio sì definitivo a Dio. Il verso del Salmo 118,24 che dice "Questo è il giorno fatto dal Signore. Rallegriamoci ed esultiamo” esprime quanto ho provato. Ho accolto con fede la scelta di questo giorno e ho creduto che è stato il Signore a sceglierlo per radunarci per celebrare la mia Professione perpetua; un momento speciale per confermare il mio totale impegno al Signore, nel donarmi per sempre a Lui, alla Chiesa attraverso la missione della nostra Famiglia religiosa di FMSC. Davvero quanto è buono il Signore nel farmi sperimentare il suo amore e la sua compassione, per avermi dato la grazia di rendere possibile questo evento in mezzo alla nostra situazione di pandemia!

Il Vangelo di Luca 1:46:35 parla della gioia di Maria che proclama la grandezza del Signore per averla scelta come Sua Eletta; come Maria, anche il mio cuore canta pieno di gratitudine al Signore per tutte le meraviglie che ha fatto per me in modo speciale per dono della mia vocazione chiamandomi a vivere in questa vita da consacrata.

La solenne celebrazione eucaristica si è svolta nella Chiesa di Maria Immacolata nella nostra Casa Provinciale di Centocelle. È stato un onore avere la presenza di p. Vidal Rodriguez Lopez OFM che ha presieduto la cerimonia e con lui ha concelebrato p. Raimondo OFM; grande gioia mi è stata data dalla presenza delle sorelle della mia Famiglia religiosa, alcune fisicamente presenti e altre spiritualmente unite a noi.

Fr. Vidal nella sua omelia ha ricordato che “nessuno si salva da solo e nessuno fa Professione da solo”; che non c'è vocazione che possa essere vissuta da soli. Una vocazione è sempre seminata dalle mediazioni e attraverso di esse cresce e porta frutto per sviluppare e perfezionare il cammino della chiamata del Signore. In una parte della sua omelia c'era una domanda che mi ha fatto riflettere. Ha detto: “Non sappiamo perché Dio ci chiama e ci ama così tanto? Ci chiama anche se abbiamo fede fragile. Ci ama chiedendo di vivere con cuore semplice… Ci chiede di essere testimoni del Vangelo…P. Vidal ha concluso la sua omelia ringraziando il Signore per la mia vocazione, per la mia famiglia che mi ha fatto crescere nella fede cristiana, per le mie formatrici che mi hanno accompagnato a rispondere con generosa maturità alla chiamata del Signore.

Il momento più atteso è iniziato quando. Sr. Tiziana Tonini nostra Vicaria Generale, delegata della Superiora generale Sr Paola Dotto, mi ha presentato alla Chiesa, attraverso il celebrante, come candidata alla Professione Perpetua; ero molto emozionata ma con gioia e convinzione ho pronunciato il mio “sì” a Dio pubblicamente in chiesa. L’emozione cresceva in me mentre la celebrazione continuava soprattutto quando ero prostrata per la preghiera delle litanie. In quel momento ho sperimentato e sentito la misericordia e l'amore incondizionato di Dio nonostante le mie debolezze e mancanze, ma ciò che conta di più ho sentito il perdono di Dio espresso in Corinzi 2, 12:9 "La mia grazia ti basta, perché la mia potenza è resa perfetta nella debolezza”. Ciò mi ha reso più forte e mi ha dato la forza di presentare nelle mani della Vicaria Generale i miei voti a Dio per sempre con i tre consigli evangelici di obbedienza, povertà e castità secondo le Costituzioni della nostra Congregazione di FMSC. Sono stata così profondamente felice quando sono stata accolta da Sr. Tiziana Tonini per far parte a pieno titolo della Congregazione delle FMSC con la sua missione nella Chiesa. Oltre a questo mi sono sentita più responsabile di rispondere all'amore redentivo di Cristo e al piano divino di Dio per la salvezza dell'umanità con il desiderio e la speranza di essere una testimonianza viva vivendo concretamente le virtù francescane e condividere la mia identità spirituale espressa dal mio nome religioso: Sr Angel Rose del Cuore trafitto di Cristo crocifisso.

Vorrei cogliere questa opportunità per esprimere la mia sincera e profonda gratitudine alla mia Famiglia religiosa che con gioia mi ha accolto e mi ha guidato a vivere continuamente il nostro carisma. Con amore ringrazio tutti coloro con i quali ho camminato e mi hanno aiutato a coltivare la mia vocazione durante tutta la mia formazione; alla mia famiglia naturale esprimo tutta la mia gratitudine per l'amore, i sacrifici e il sostegno che mi sono sempre stati dati nel mio cammino con Dio.

Seguendo quello che p. Vidal ha detto nella sua omelia, che fare la mia Professione perpetua non è raggiungere la vetta; il cammino non è finito, continuo umilmente a chiedere le vostre preghiere affinché io rimanga fedele all'alleanza con Dio e alla nostra Congregazione ricordando le parole del nostro Fondatore il venerabile p. Gregorio “Confida sempre nella Provvidenza Divina”, che mi accompagnerà a camminare nella vie di Dio e a conformarmi a Lui seguendo le Sue parole: “rimanete nel mio Amore”. Gv. 15, 1-17.

Sr Angel Rose


Lascia un commento

Assicurati di compilare tutti i campi obbligatori (*).