Nov 27, 2021 Last Updated 8:52 PM, Apr 1, 2019

“L'AMORE SI RALLEGRA DI VEDERE CRESCERE GLI ALTRI”

Pubblicato in 2021
Letto 21 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il papa Francesco, nel 2019, ha dichiarato: “Questo tempo che stiamo vivendo non è solo un tempo di cambiamenti, ma è un vero e proprio cambiamento epocale. Scelte che trasformano rapidamente il nostro modo di vivere, di tessere relazioni, di comunicare e di pensare, di comportarsi tra generazioni umane e di comprendere e vivere la fede e la scienza.» Queste parole risuonano oggi con più forza: la crisi attuale ci impegna a trasformazioni molto concrete che ci interpellano.

La Chiesa è provocata dalle problematiche del mondo e dalle proprie crisi interne, segni di un momento favorevole per impegnarsi in una profonda trasformazione. Si tratta di: «Ricreare il nostro modo di vivere e di annunciare il vangelo». Non è una riforma esteriore, né un cambiamento riferito ai Dogmi della fede, ma di un modo nuovo di essere chiesa e vivere il Vangelo in forma personale e comunitaria.

In questo contesto di Chiesa, la diocesi di Beauvais dal 1996 si è lasciata interrogare dalle sfide del nostro tempo e si è messa in cammino per rinnovare la sua presenza nella realtà del territorio anche a causa della mancanza di sacerdoti. Una sfida urgente: riunire e riorganizzare le diverse parrocchie per comporre un'unica unità pastorale! Le comunità sono impegnate in queste trasformazioni con coraggio e fiducia. È tutta la diocesi che si è messa in cammino con la ferma convinzione che il Signore guida e accompagna questo cammino di rinnovamento.

Oggi la zona di Carlepont, dove le nostre suore FMSC prestano il loro servizio, è stata raggruppata in un’unica parrocchia, divisa in 5 comunità pastorali, 83 campanili, comprendenti circa 70.000 abitanti e 5 sacerdoti. Sono cifre che ci danno l'ampiezza e la gravità della situazione, la quale spinge ogni battezzato a prendersi cura della propria realtà parrocchiale, agire personalmente e impegnarsi a creare un ambiente di fraternità, di prossimità per un'autentica vita fraterna all’interno delle diverse comunità. Ecco come una famiglia di Carlepont presenta, alla celebrazione di apertura delle attività pastorali, questa nuova realtà.

La mamma offre la sua testimonianza: “Il cammino spirituale e cattolico non era per noi un'evidenza qualche anno fa. Genitori di due figli, Charlotte e Titouan vivevamo in parallelo questo cammino, legati alle problematiche quotidiane e al ritmo accelerato di lavoro nelle nostre vite. Poi... abbiamo incrociato il cammino delle suore Francescane Missionarie del Sacro Cuore di Carlepont. Charlotte e suo fratello minore Titouan si divertono moltissimo partecipando all'infanzia missionaria (oratorio brillantemente animato dalle suore) e seguono un percorso di fede sempre in stretto rapporto con le suore.

 Suor Paolina è una cuoca eccellente e prepara la merenda con cura, suor Michele ci prepara al sacramento dell’Eucaristia, ma soprattutto suor Maria Luisa è così gentile e divertente... Mi piace aiutarle e vogliamo loro molto bene» Charlotte 13 anni «Sono diventato servitore di altare grazie a suor Maria Luisa e suor Michèle e mi piace molto. Ho anche servito il vescovo di Beauvais alla cattedrale di Noyon, ero così orgoglioso... Non vedo l'ora di conoscere Suor Clara» Titouan 11 anni. Il nostro rapporto con le sorelle ci porta ben più di una relazione legata alla fede. Camminiamo ogni giorno pensando a loro.

Per noi, le suore sono un esempio nelle nostre riflessioni, nelle nostre decisioni, nell'educazione e nei valori che diamo ai nostri figli. Esse ci guidano e ci accompagnano quotidianamente. Siamo sempre molto impressionati dall'energia che hanno per mantenere il legame e motivare i gruppi. SMS, chiamate, WhatsApp, mail, animazioni... tutto è buono per mantenere il collegamento, anche durante la quarantena, dove hanno assunto la grande sfida di mantenere il legame con le famiglie ed i bambini. Abbiamo scelto la scuola cattolica a Compiègne per i nostri figli ma restiamo innegabilmente fedeli alla parrocchia di Carlepont.

Vogliamo assolutamente mantenere il legame con le suore e la parrocchia. Vogliamo celebrare i sacramenti al loro fianco. Sono anche di grande sostegno nelle prove che la vita ci riserva. Positive o più complicate, personali o professionali, le suore hanno sempre un pensiero per noi e noi per loro. Ci sono così preziose... noi non pensiamo più alle nostre vite e alla crescita dei nostri figli senza queste «grandi» consacrate! Allora è la nostra volta di dirvi GRAZIE - Il Signore sia ringraziato per avervi messo sulle nostre strade. Che Dio vi guardi.

Anche noi, suore della comunità di san Francesco a Carlepont, rendiamo grazie al Signore per essere suoi strumenti nell'annuncio gioioso del Vangelo.


 

Ultima modifica il Martedì, 16 Novembre 2021 09:52

Lascia un commento

Assicurati di compilare tutti i campi obbligatori (*).